Conversazione a Vinitaly 2018 con Isabella Bisol

L’esperienza della storica Cantina Ruggeri

AntonioCampanella-Ruggeri-1635

Nel mare di bollicine che qualifica la nostra produzione nazionale orientata in particolar modo all’export, spiccano nel panorama di Vinitaly alcune aziende storiche della produzione di Prosecco che hanno fatto grande l’esperienza della spumantizzazione nazionale e che hanno conservato il livello qualitativo delle origini.
L’azienda Ruggeri, fondata nel 1950 da Giustino Bisol, autentico “patriarca” e figura ancora partecipe della conduzione aziendale, è oggi condotta da papà Paolo e dai figli Giustino e Isabella e rappresenta un esempio di continuità della tradizione secondo i più attenti dettami delle regole di produzione di Prosecco di altissima qualità a partire dai 17 ettari di proprietà e dalle uve provenienti da 110 piccoli conferitori insediati nelle migliori zone della Valdobbiadene. I vigneti di famiglia sono disposti in piccoli appezzamenti caratterizzati da pendenze talmente ripide da esigere operazioni di raccolta e di allevamento rigorosamente manuali, tanto da far parlare di viticoltura “eroica” in Valdobbiadene. Non stupisce quindi che anche nel 2018 il Gambero Rosso abbia accordato al Giustino B., etichetta in onore del fondatore dell’azienda, i tre bicchieri e che l’azienda sia l’unica a poter vantare per ben nove anni il riconoscimento di azienda premiata.
Cuore autentico della Ruggeri, sottolinea Isabella Bisol, è il rapporto con i propri conferitori di uva legati all’azienda da un rapporto di fiducia che perdura in taluni casi da oltre 50 anni. A dimostrazione di questo forte legame , l’azienda Ruggeri è l’ultima cantina a confermare ancor oggi “sull’onore” i prezzi delle uve dopo la vendemmia: un codice che rispetta i legami ancestrali, profondi, che ciascun viticultore ha con la propria terra e con la famiglia e che mantiene vivo il significato di un concetto quale la fiducia tra componenti di una comunità. L’esempio emblematico della passione che lega la famiglia Bisol con chi opera da sempre in quelle colline è rappresentato dall’etichetta Vecchie viti: selezionata produzione da vitigni componenti del blend finale, Glera, Perera, Bianchetta, Verdiso, da vigne di oltre 80 anni, grazie ad un’operazione che si avvale della costante mappatura agronomica delle aree più vocate e della vendemmia separata delle uve dei 12 conferitori per il prodotto finale. La sfida che il papà Paolo porta avanti in tutti questi anni è l’inesausta volontà di ricerca, studio, selezione, ciò che consente alla Ruggeri di mantenere negli anni l’elevata costante qualità – dalla vendemmia ogni anno metà della produzione, quella migliore, concorre alla gamma aziendale, l’altra metà viene venduta- e di proporre, come anticipa con giusto orgoglio Isabella, una autentica novità che sarà presentata entro fine anno, frutto proprio di questa attitudine alla ricerca,: un Prosecco in purezza con 5 anni di permanenza in autoclave.

Isabella e Paolo Bisol _a

L’aver saputo mantenere elevato e costante il livello qualitativo, anche successivamente al passaggio di proprietà dell’azienda, è uno dei fattori di riconoscimento dell’impegno aziendale della famiglia e di fidelizzazione del mercato che, nel caso della Ruggeri, è quello della ristorazione e delle enoteche, con un dato percentuale di ben il 40% in Italia e il restante 60% nei 48 mercati esteri, in primo luogo l’Inghilterra.
La punta di diamante nella gamma produttiva è certamente il pluripremiato Giustino B., da sole uve Prosecco (Glera) con lungo affinamento sui lieviti e dall’esaltante fragranza del bouquet, ma l’apporto professionale, come sottolinea Isabella Bisol, si traduce nello stile personale che si vuole confermare di anno in anno a tutti i vini della gamma, da Vecchie viti, a Giall’oro e al Cartizze dry : tutti spumanti con lunghe potenzialità di invecchiamento frutto dei presupposti di una indiscutibilmente seria conduzione di cantina.
Vinitaly dunque come ogni anno consente all’azienda Ruggeri – sintetizza Isabella -di proporsi come spazio aperto non solo al contatto con i buyer e gli operatori di settore, ma come coinvolgente appuntamento con il consumatore finale, sempre più esigente, competente e alla ricerca della qualità.

Maria Luisa Alberico
Donna Sommelier Europa

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Le bollicine invadono Vinitaly 2018 Successo incontrastato del Prosecco

colline-2

La crescente presenza di professionisti ha caratterizzato l’edizione 2018 di Vinitaly e testimonia il consolidamento del ruolo della fiera a livello internazionale, con buyer selezionati e accreditati da tutto il mondo. La top ten delle presenze assolute, sul totale di 32.000 buyer accreditati da 143 nazioni, ha visto primi gli Stati Uniti d’America seguiti da Germania, Regno Unito, Cina, Francia, Nord Europa (Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca), Canada, Russia, Giappone, Paesi Bassi insieme al Belgio.
L’edizione n.52 di Vinitaly è come sempre occasione per fare il punto sul nostro mercato consentendo di esaminare tendenze e orientamento dei gusti dei consumatori.
Secondo i dati elencati dal Corriere Vinicolo nell’analisi dell’export italiano si constata che la spumantizzazione ha incassato nel 2017 un ennesimo anno di crescita sia in valore, con un più 14% corrispondente a circa 1,3 miliardi, sia in milioni di ettolitri prodotti esportati (3,7milioni) pari ad un più 9%. L’orientamento dei consumatori, tra questi i millennial , fa sì che il comparto spumanti si attesti ben saldamente come terza punta delle nostre esportazioni, superando i bianchi fermi che tendenzialmente descrescono, mentre in lieve crescita si attestano i rossi. I principali mercati assegnano il primo posto da anni ormai alla Gran Bretagna seguita da Stati Uniti e Russia, in forte ripresa. Se poi si guarda – dati dell’Osservatorio del vino – a ciò che fanno gli altri grandi esportatori di spumanti nel 2017, si nota che la Francia cresce, ma meno dell’Italia (+9,6% in valore, +8,5% in volume) e che la Spagna cresce in volume più dell’Italia (+18%), ma con prodotti dal costo più basso: la progressione in valore è quindi minore (+10%) rispetto all’Italia.
I dati del consumo di Prosecco in particolare, sempre secondo le classifiche pubblicate dal Corriere Vinicolo, sono passati nella sola Inghilterra, in un decennio, dal 3 al 56% . Un salto stratosferico che ha comportato però anche il rischio di un certo appiattimento della qualità a favore della quantità. Oggi il Prosecco rappresenta da solo circa il 70% di tutti gli spumanti DOC e DOCG e poco meno del 60% rispetto all’intero comparto spumantistico (ben 670 milioni di bottiglie a fine 2017 con un più 9% rispetto al 2016).
Cosa conquista in questo vino così apprezzato in Italia e all’estero? Accanto al gusto accattivante, alla finezza della versione spumante ConeglianoValdobbiadene Prosecco Superiore Docg o Asolo Docg sino alla più facile e giovanile versione frizzante, alla versatilità degli accostamenti e alla facilità di beva, proponibile in molte occasioni, certamente anche il fascino di una lunga storia vitivinicola che, a partire da metà Ottocento, conquista i mercati grazie alle prime esperienze di spumantizzazione.

calici2

Antiche testimonianze fanno risalire le uve di Prosecco al vino Pucino dell’Antica Roma. Plinio il Vecchio lo descrive come uno dei grandi vini che imbandivano le tavole dei dignitari romani. Alcuni autori ritengono che il Pucino derivi dal vitigno “Glera”, un’uva a bacca bianca coltivata ancor oggi nelle zone vicine a “Prosecco”, un paesino dell’Italia settentrionale vicino a Trieste, sul pendio carsico antistante il mare, dove potrebbe aver avuto origine l’uva. Ma fu nel Cinquecento che si consolida l’affermazione del Prosecco grazie al vescovo triestino Pietro Bonomo, che associò il Castellum Nobile Vino Pucinum al Castello di Prosecco, vicino alla città di Trieste. Le citazioni storiche proseguono nei secoli, allorchè il Prosecco giunge sulle colline tra Valdobbiadene e Conegliano, dove peraltro la coltivazione della vite risale a tempi ben più antichi, attestata in documenti risalenti all’XI secolo e successivi, come dimostra nel 1542, una nota del Magnifico Consiglio di Conegliano, riportata nel volume “Dei vitigni italici” curato da Antonio Calò e Angelo Costacurta, che nel 1542 affermava “…di quanta importanza sia il vender vini di monte di questo territorio quali per la maggior parte sono allevati et comprati dai tedeschi” e nel 1606 in una relazione letta da Zaccaria Contarini podestà e capitano di Conegliano si legge che “ cavandosi dai monti quantità di vini dolci e di altre sorti eccellentissimi dei quali se ne vanno in gran parte in Alemagna e fino nella corte di Polonia venendo gli stessi tedeschi ..con i propri carri a levarli pagandoli fino a ducati quaranta e cinquanta la botte”. Ciò che anticipa di quattro secoli le “magnifiche sorti e progressive” del vitigno e del vino da esso derivato che ancora nel 1754 Aureliano Alcanti nel suo Roccolo Ditirambo descrive come uno dei migliori prodotti in assoluto. Nel 1874, sempre sfogliando il già citato e ampiamente documentato volume, Vianello e Carpenè, parlano della diffusione del vitigno Prosecco che risulta coltivato in 4 comuni: 1 nel distretto di Conegliano che ne produceva 798 ettolitri, 2 nel distretto di Valdobbiadene per 2.270 ettolitri e 1 in quello di Asolo per 641 ettolitri per un totale di 3.700 ettolitri contro i 23.000 di Verdiso, i 14.500 di Bianchetta e i circa 4.000 di Boschera e mentre il Verdiso di S. pietro di Feletto valeva 60 lire per ettolitro, il Verdiso e il Prosecco di Valdobbiadene ne quotavano 37 e negli stessi anni il Marzemino ne quotava 75. Nel 1876 con l’istituzione della Scuola Enologica di Conegliano e grazie all’azione di autentici pionieri della vinificazione tra cui Antonio Carpenè Malvolti, prende avvio la moderna storia del Prosecco, con la selezione costante delle convarietà per adattarne la coltivazione nelle migliori condizioni di esposizione sino a giungere ad isolare un tipo specifico di Prosecco, il Balbi, selezionato da Giulio Balbi Valier e considerato di alta qualità. In effetti le varietà analizzate e coltivate nel distretto Conegliano – Valdobbiadene – Asolo sono diverse, tanto che i contadini le racchiudevano sotto la dicitura Prosecche o Prosecchi : si va dal Prosecco tondo al Prosecco lungo, dal Prosecco bianco al Prosecco dal pecol rosso. Con l’istituzione nel 2009 della DOCG Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene e della DOCG Asolo, che necessitano di una particolare tutela, è stato adottato in via ufficiale il sinonimo “glera” in modo da non confondere fra loro vitigno e vino, tutelando in tal modo la dicitura Prosecco come denominazione territoriale.

Maria Luisa Alberico

 

La Cà Nova di Barbaresco

La Cà Nova di Barbaresco
Un genuino stile personale

ca nova 1

La bella cascina, già presente in una mappa napoleonica del territorio di Barbaresco risalente al 1798, è da allora tradizionale produttrice dei vini locali; i tre fratelli, Pietro, Giulio e Franco Rocca
conducono e amministrano, nel rispetto della loro storia familiare e dell’ambiente, i loro 15 ettari vitati, coltivati per oltre l’80% a Nebbiolo per la produzione di Barbaresco, il resto a Barbera e Dolcetto, senza escludere una mordida e profumata Grappa.
La produzione si attesta sulle 60.000 bottiglie, molte delle quali esportate. Vanto dell’azienda i due crus prestigiosi: il Montestefano da vecchie vigne, profonde marne blu, radici che si innervano in questa terra compatta e ricca di minerali; e Montefico, con la sottodenominazione Bric Mentina per ricordare Clementina, la precedente proprietaria di quel prezioso appezzamento.
Entrambi i vini, abbiamo potuto degustare per entrambi il 2015, evidenziano tutta la nobiltà del tannino che consente la lunga evoluzione: già ampi e ben armonici, ricchi di promesse e di suggestioni al palato. Si ha l’impressione di entrare in contatto con il Barbaresco vero, personalissimo, burbero, piacevolmente dialettale.

Azienda agricola la Cà Nova, via Casa Nuova 1, Barbaresco (Cn), tel. 0173/635123
Maria Luisa Alberico